Post Image

Denis Santovito, in arte Mart. In. si presenta così:

ho cominciato a fare musica alle medie suonando il pianoforte (lo suono da ben 7 anni). Mi sono prestato nel suonare anche altri strumenti come chitarra, violino e ukulele ma, l’anno scorso, molte persone mi hanno fatto scoprire il Rap e da lì me ne sono appassionato: ho cominciato a produrre, registrare, mixare, masterizzare i miei brani e a scrivere testi con l’ausilio del mio professore Alex D’Herin. Tutt’ora continuo a fare tutto ciò in modo indipendente comprendendo anche i testi in cui punto sempre alla ricerca di un lessico molto vario e di concetti molto enigmatici raccontando parti del mio passato e del mio presente.

Come vedi la musica italiana in questo periodo storico?

In questo periodo, la musica italiana la vedo molto in crisi: ascoltatori molto in contrasto tra loro, discriminazione sulla musica che ascolti, discussioni banali e dissing. L’Italia è colmo di talenti che, purtroppo, non vengono valorizzati abbastanza.

Visita il canale Youtube di Mart.In.


Come hai iniziato e cosa prevedi nel breve o lungo periodo?

Come ho scritto precedentemente ho cominciato suonando il pianoforte, da il via a tutti i miei prgetti.


Come scrivi e crei i tuoi brani?

In questo percorso, spero vivamente di entrare nella testa delle persone con i miei testi. Creo sempre i miei brani partendo dai beat in modo molto casuale, migliorando di giorno in giorno ed a seconda del sentimento che provo ascoltando il beat, butto la “trama” del testo puntando sempre sulla ricerca delle parole.


Share in